top of page

Il gruppo Richemont supera le aspettative: la crescita in Cina e negli Stati Uniti bilancia il declino in Europa

Una solida performance in Cina e negli Stati Uniti ha contribuito a compensare i cali registrati in Europa per Richemont nel trimestre chiuso il 31 dicembre 2023. Le azioni del conglomerato svizzero del lusso sono aumentate.


Le vendite di Richemont sono cresciute dell'8 per cento anno su anno a tassi di cambio costanti, raggiungendo i 5,6 miliardi di euro nel terzo trimestre, ha dichiarato giovedì; sopra le aspettative del consenso del 7 per cento. Si tratta di un'accelerazione rispetto al trimestre precedente (in crescita del 5 per cento) e costituisce un segnale rassicurante per il mercato del lusso nel suo complesso, che ha visto una diminuzione della domanda l'anno scorso, lasciando molti marchi e rivenditori con un eccesso di magazzino. La scorsa settimana, il marchio di lusso britannico Burberry ha emesso un avviso sui profitti dopo che le vendite al dettaglio sono risultate inferiori alle aspettative durante le vacanze.


La crescita di Richemont nel terzo trimestre è stata trainata dall'Asia Pacifico (in aumento del 13 per cento), alimentata da un balzo del 25 per cento nella Cina continentale, ad Hong Kong e a Macao. Tuttavia, Richemont ha osservato che ciò si basava su confronti favorevoli, poiché il picco dei casi di Covid in Cina alla fine del 2022 ha interrotto il flusso di visitatori durante quel periodo.


Nel frattempo, la performance negli Stati Uniti nel terzo trimestre è stata una "piacevole sorpresa", afferma Antoine Belge, responsabile beni di lusso presso Exane. I risultati suggeriscono che gli acquirenti americani non stanno più affluendo in Europa per spendere i loro soldi: le vendite di Richemont nelle Americhe sono aumentate dell'8 per cento, trainate dalla resilienza dell'economia, in netto contrasto con l'Europa, dove sono scese del 3 per cento.

Per quanto riguarda la divisione, i gioielli - che includono Cartier e Van Cleef & Arpels - hanno trainato la crescita, superando le aspettative con un aumento del 12 per cento. Le vendite nel settore degli orologiai specialistici di Richemont, che comprende IWC, Piaget e Jaeger-LeCoultre, sono aumentate del 3 per cento, in linea con le previsioni.

La zona commerciale "altro", che include Chloé, Montblanc e Alaïa, ha registrato un calo delle vendite del 1 per cento. "Le vendite all'ingrosso minori e le vendite al dettaglio online sono state in gran parte mitigate dalla crescita a medio singolo cifra nelle vendite al dettaglio, principalmente grazie alle performance di Alaïa, Delvaux, Dunhill e Peter Millar", ha dichiarato l'azienda in una nota.

Chloé è in fase di transizione dopo la nomina del nuovo direttore creativo Chemena Kamali, il cui debutto in passerella avverrà a febbraio, e del nuovo CEO Laurent Malecaze, entrato a dicembre da Dunhill.

コメント


bottom of page