top of page

The Camelocrazy - Max Mara FW23

Max Mara viaggia nel tempo fino al turbolento diciottesimo secolo, presentando la nuova collezione Autunno Inverno 2023 durante la Fashion Week di Milano. Musa ispiratrice é Émilie du Châtelet, spirito libero che diede il La al pensiero razionale nell'epoca dell'Illuminismo, che con il suo brillante intelletto analizzò le questioni dell'epoca: l'educazione e il ruolo sociale della donna, l'aldilà e la felicità umana.

'Per essere felici, dobbiamo disfarci dei pregiudizi ́, scrisse.

Émilie aveva un innamorato. L'uomo descritto come 'la prima vera celebrità moderna d'Europa', Voltaire. In un'epoca in cui filosofia e scienze naturali erano legate dal misticismo, la coppia trascorse insieme dieci anni, tra esperimenti scientifici e dibattiti intellettuali. In quanto donna dovette urlare per essere ascoltata, ma: 'Almeno, l'ingiustizia maschile nell'escluderci dalle scienze dovrebbe servire ad impedirci di scrivere pessimi libri ́.


La moda nell'Epoca della Ragione portava le tracce apotropaiche di tempi oscuri: voluminosi drappeggi, piume, crine, crinolina e maestose parrucche. Voltaire ci racconta che Émilie detestava superstizione e necromanzia: nella narrativa di Max Mara, Émilie disdegna lo stile contorto e restrittivo del tempo. La scienza solleva il sipario e rivela un guardaroba per l'oggi.

Ecco tessuti in ricco broccato, panier, corsetti e sottovesti, il tutto confezionato con una spiccata precisione newtoniana e abbinato a lupetti trasparenti e stivali chunky. Su gonne panier, mini oppure maxi, compaiono anacronistiche coulisse e tasche sportive. Direttamente dal futuro, ecco un fishtail parka in color cammello, dal risvolto in damasco. Il 'retro Watteau', una caratteristica degli abiti di corte, si ritrova su un soprabito militare e su

un cocktail dress.

Émilie spesso si mascherava come un uomo: era l'unico modo per accedere ai cafè e intrattenersi con le migliori menti dell'epoca. Max Mara si ispira a un cast di personaggi in costume: il gentiluomo en déshabbilé che si pavoneggia nel suo soprabito, il notaio impeccabile con i capelli legati da un fiocco nero, l'ufficiale disinvolto che indossa una cappa o un cappotto su una spalla sola, o ancora un imperioso duca con il suo grande mantello, portato à la mode.

La poesia di Voltaire è prova evidente che il suo amore per Émilie non era solo cerebrale, eppure la descrisse come 'un grande uomo la cui sola colpa è di essere nato donna'. Quasi tre secoli più tardi, il suo essere donna non è più un'opposizione al suo talento. Fece parte di un'armata di donne la cui arguzia e il cui intelletto contribuirono a questo cambio di visione. Con una collezione che combina ragione e ordine con un pizzico di romanticismo, Max

Mara rende omaggio a Madame du Châtelet e alle donne come lei; the Camelocracy.








Comentarios


bottom of page