top of page

La guerriera sensuale di Davii dalla -Porto Fashion Week-

Forte e delicata, fluida e geometrica, la donna DAVII è una guerriera sensuale, il cui nuovo guardaroba giustappone abiti-tunica lunghi e drappeggiati, stratificati sopra e sotto kimono scultorei in ecopelle e giacche strutturate con maniche-guanto. La collezione viene presentata durante la Porto Fashion Week, in Portogallo.

I tessuti sono molteplici, e lo stesso materiale è declinato in modalità differenti. La seta può essere morbida come lo chiffon o il crepe, leggero stampato in marmo, ma anche più pesante come l'organza o il gazar couture. Il techno-velluto è usato negli abiti a tunica a collo alto, per i bubble-bombers o ancora per i completi marziali. La lana viene usata nell’abito lungo bianco, plissettato come una “pietra cesellata”. La donna DAVII cammina senza paura con i suoi stivali, esibendo le gambe ma nascondendo il collo. Nero, bianco, pietra e sangue di drago sono i suoi colori.

Fabiano Fernandes dos Santos, fonda il brand DAVII nel 2016, quando dal Brasile si traferisce a Porto e crea il suo primo laboratorio di Alta Sartoria, dopo molteplici collaborazioni a Sao Paolo e 10 anni di partnership con il gruppo Arnaldo Ventura. Nel suo Atelier di Porto può finalmente assecondare la passione per una moda che trae spunto dall'Haute Couture e dal Design contemporaneo, realizzando la sua prima collezione di capi unici realizzati a mano, d'ispirazione orientale nei volumi e proporzioni e all'art nouveau nelle plissettature e drappeggi, dove i materiali sono impalpabili e fluttuanti come l'organza, essenziali come la seta cruda, e i toni assoluti del nero o del viola con incursioni di nuances pastello e stampe vintage dai cromatismi vivacemente geometrici anni ’50. La sua ricerca iconografica degli stampati prosegue il suo viaggio attraversando l’arte persiana e i Balletti Russi di Bakst che si fondono armoniosamente con influenze tribali contemporanee. Agli inizi del 2019 apre il suo atelier nel quartiere delle Beux Arts a Porto, in Rua Duque da Terceira 358, unendo la poetica dei suoi abiti ad un’accurata ricerca di oggetti e mobili di Modernariato internazionale. Attualmente la sua collezione è stata scelta da boutiques affermate di Porto, Madrid e Milano.


Comments


bottom of page