top of page

L'eleganza del non preoccuparsi nella passerella FENDI

La fashion week milanese è appena iniziata ma regala già grandi emozioni. Oggi è stata svelata la nuova collezione Fendi per la prossima primavera estate e Kim Jones, a braccetto con Silvia Venturini Fendi, ci fa subito sognare.

"A Roma c'è un'eleganza nella disinvoltura e nel non preoccuparsi di ciò che pensano gli altri: questo è il vero lusso. In questa collezione ho voluto riflettere questo aspetto. Si tratta di donne che si vestono per se stesse e per la propria vita, lo vedo sempre con Silvia e Delfina. Non si tratta dello spettacolo di essere guardati, ma della realtà dell'indossare e della sicurezza e chicness che ne deriva. Non si tratta di essere qualcosa, ma di essere qualcuno".

Ha affermato il designer.


Una passeggiata attraverso Roma, dove l'ordinario si amplifica e diventa straordinario; le storie si intrecciano con il passato che diventa presente e dove lo stile personale e disinvolto riflette il mondo interiore di chi lo indossa.

Nell'ultima collezione, Kim Jones esplora una facilità di vestire con una certa libertà romana, dove l'imperfezione diventa una perfezione più umana e dove il lusso si trova nel comfort e nella tranquilla fiducia che abiti e accessori danno a chi li indossa di essere se stesso. Un senso di dualità - una qualità molto FENDI - permea la collezione. Allo stesso tempo pragmatica e giocosa, la sartoria e i materiali maschili, come il finissimo kid mohair, sono applicati a una sensibilità più fluida e femminile quando sono combinati con sete e maglieria. La tradizionale cintura a tendina dei pantaloni sartoriali viene ripiegata per rivelare la sua costruzione e spesso unita a una maglieria sinuosa; la seta lavata di un abito da sera scivola nel quotidiano; le strisce di organza di morbido shearling - un utilizzo della famosa costruzione Featherlike di FENDI - vengono trasformate in gonne estive simili a spugne con camicie da lavoro; un cappotto da auto maschile di dimensioni eccessive trova un'eco femminile nelle scarpe da auto con cavigliera in metallo, con un pratico fondo borchiato utilizzato per facilitare e mantenere la presa. In breve, l'utilità e il comfort maschili si fondono con un tocco femminile, pensando all'agenzia di chi li indossa.


Allo stesso tempo, il passato di FENDI è reso presente da codici e motivi ricorrenti che risalgono agli inizi della Maison. Il filo conduttore del punto Selleria lega tutte le categorie della collezione attuale al passato della moda e della pelletteria. Dalla sua iniziale ispirazione e creazione da parte dei maestri sellai romani, la Selleria trova forma nelle borse e negli abiti in pelle per poi trasformarsi in una ferramenta in filo metallico sulle scarpe e viene ribadita nei gioielli FENDI Filo da Delfina Delettrez Fendi, Direttore Artistico della Gioielleria FENDI. Un'esplorazione giocosa e astratta del logo FF si ritrova ancora una volta nei gioielli e nella collezione di abbigliamento, dove raggiunge la sua audace apoteosi nel color-blocking FENDI completamente astratto di pelli intarsiate e abiti strutturati in maglia senza spalline. La palette di colori stravaganti - essa stessa una firma - è in gran parte ripresa dalla collezione donna primavera/estate 1999 di Karl Lagerfeld per la Maison, dove sono stati ritrovati e rielaborati anche abiti chiave come la sottoveste di lino spalmata di giallo acido e le sete trompe l'oeil realizzate per oggi con stampe Framis in silicone.

Nelle borse di Silvia Venturini Fendi, Direttore Artistico Accessori e Uomo, una pletora di stili, dimensioni, materiali e tecniche riflette il carattere di chi le indossa. Rifuggendo dall'idea di un unico diktat, la collezione riprende l'iconografia pop di FENDI attraverso le borse FENDI Peekaboo e Baguette, Origami e First, introducendo al contempo la nuova Flip, una shopper che si ripiega in una clutch, con una costruzione giocosa e a blocchi di colore. Qui si ribadisce che non esiste una sola donna FENDI, ma tante donne FENDI, incoraggiandole a essere se stesse e ad abbracciare l'idea della libertà romana.


Comments


bottom of page