top of page

Il linguaggio della mano per Margiela - SS24

Astrazione e semplicità. Portare un'idea alle sue conseguenze più logiche, affinché diventi radicale: questo è ciò che rappresenta MM6. La collezione SS24 "abbraccia la mano". Esplora i gesti che definiscono capi di abbigliamento e oggetti che invogliano determinate posture e movimenti, ma anche indumenti adatti a espressioni particolarmente pratiche del lavoro manuale.

La mano, quindi, tocca un intero spettro di possibilità - come dovrebbe essere: il linguaggio del corpo è un potente strumento di comunicazione - dal modo in cui sono posizionate le tasche alle interpretazioni di graffette come il grembiule da macellaio e il camice da laboratorio. Nastri, spacchi, ampie aperture laterali e lacci, così radicati nel vocabolario della casa, suggeriscono modi personali di adattare gli abiti al corpo, che è un altro modo di usare le mani.

Giocando con lunghezza e larghezza, l'allungamento è il gesto e l'inclinazione che indossano prevalentemente le collezioni, attraverso gilet lunghissimi, giacche sartoriali allungate e pantaloni che possono essere fasciati in svariati modi. Scollature profonde a V, cappotti alti senza maniche che cadono dritti e camicie prive di maniche attirano tutti la verticalità. Le tasche sono posizionate in basso, sia sui gilet che sui pantaloni con il cavallo allungato.

Denim, tela robusta e pragmatico policotone strizzano l'occhio al mondo del lavoro, dove la mano è al centro. Le magliette con sei tasche applicate suggeriscono una serie di azioni manuali, così come gli abiti sottoveste tagliati come grembiuli con una spalla sola, la loro forma singolare è il risultato della funzione, in questo caso la necessità di liberare una spalla durante il lavoro.

Meta è uno dei modi preferiti di MM6 per trasformare la semplicità in astrazione. Da qui la parola allongé stampata sulla t-shirt allungata, oppure mat, satiné, brillanti intagliati su polsini e gioielli mat, satinati e brillanti. Anche i francobolli diventano gioielli, così come le chiavi, come gli orecchini.

Gli accessori ripercorrono ulteriormente l'idea del fare: stivali con punta tonda e Mary Jane modellate sulla sicurezza in cucina scarpe, zoccoli con punta anatomica e una nuova iterazione delle Mary Jane di Salomon. Sacchetti di carta allungati e borsette che fungono anche da gilet invogliano ad altri gesti.

Il numero sempre crescente di ondate di caldo estivo dà il tono all’intero spettacolo. Mentre le mani delle modelle aprono spesse tende a nastro, al ritmo ritmico dei tamburi, candele fuse gocciolano da collane e orecchini. Come sempre per MM6, l'idea è che la determinazione scateni il divertimento con l'abbigliamento. In questa stagione divertirsi significa esplorare modi di comportarsi e di portare il corpo.

Comments


bottom of page