top of page

Fendi Couture e l'ispirazione ai gioielli di Delfina Fendi

"Questa stagione abbiamo voluto concentrarci sul raggiungimento della fluidità, del drappeggio e della forma attraverso tecniche couture, unendo questi elementi all'attitudine di oggi", afferma Kim Jones, Direttore Artistico di FENDI Couture and Womenswear. "Abbiamo lavorato su un modello basato sull'alta gioielleria di Delfina. Anche se non ci sono gioielli, l'idea è comunque presente attraverso la palette di colori e le decorazioni della collezione; gli abiti stessi assumono l'idea di gioielli. I colori provengono dai toni della carne e dalle pietre: diamanti neri, rubini, zaffiri. C'è un gioco di morbido e duro, di nude e pietra".

"C'è un rapporto emotivo che ho con i gioielli della collezione e che spero abbiano anche le donne che li indosseranno", afferma Delfina Delettrez Fendi, Direttore Artistico dei Gioielli di FENDI. "C'è una precisione ossessiva per realizzare gioielli di questo tipo, oggetti così piccoli che hanno una forza, un significato e una personalità tali. Eppure, alla fine, hanno un rapporto diretto e intimo con il corpo; sono un'estensione profonda e personale della donna".

Questa stagione, Kim Jones e gli artigiani degli atelier FENDI continuano a rendere la tradizione couture umana e accessibile, leggera con un senso di volume, fluidità, drappeggio e facilità per chi la indossa. Rifuggendo dal "costume" e abbracciando un sentimento più morbido, più cedevole, di agency per la donna nell'abbigliamento, si cerca di ottenere una morbidezza che si esprime sia in termini di flessibilità nel modo in cui gli abiti vengono indossati - si veda in particolare il motivo del corsetto esterno - sia in termini di attualità nel modo in cui si sentono.


Nella collezione c'è un'idea di semplicità con intricatezze nascoste; molto riguarda il volume, il drappeggio e la forma scultorea raggiunti attraverso un taglio di modelli complesso e rigoroso, con capi spesso realizzati con una sola cucitura. Si tratta di un risultato di grande abilità, sussurrato invece di sete di seconda pelle, accanto a maglie intricate in un unico pezzo e a pellicce sartoriali drappeggiate in neoprene e shearling con piume FENDI chevron, dove alla fine non si tratta solo dello spettacolo dell'apparire, ma della realtà dell'indossare.


Precisione ed emozione, il reale e il raffinato si ritrovano anche nell'approccio di Delfina Delettrez Fendi all'alta gioielleria, che esiste in simbiosi con la collezione. In questa prima proposta di pezzi unici, l'idea dell'insieme couture viene estesa alla gioielleria. Una palette di colori FENDI che comprende eccezionali diamanti bianchi e gialli, zaffiri Padparadscha e spinelli verdi, arancioni e rosa. La sola collezione di spinelli rosa che compongono la parure "Undarum" ha richiesto quarant'anni per essere riunita e probabilmente non sarà mai più replicata in natura.

La natura discretamente sfaccettata di questa collezione couture raggiunge un crescendo nelle tecniche di ricamo che uniscono i mondi dell'abbigliamento e della gioielleria. Mentre stringono la loro minaudière scrigno, l'atmosfera si fa più intensa con le modelle disseminate di abbellimenti simili a gioielli o stratificate con un accumulo ordinato di paillettes e pietre tonali intricate e impilate alla chiusura della sfilata. Per ottenere lo scintillante bagliore rosa del look finale, sono state necessarie 1200 ore di lavoro manuale.

La colonna sonora dello spettacolo è "The Cold Song" di Klaus Nomi. Basata sull'originale barocco inglese di Henry Purcell del XVII secolo, riflette anch'essa l'emozione e la precisione della collezione e della couture stessa, dove il passato diventa la base per un presente e un futuro New Wave.

Comentários


bottom of page