top of page

Fabio Zambernardi lascia Prada dopo 40 anni

Il Responsabile del Design, Fabio Zambernardi, lascia il suo ruolo nel gruppo Prada dopo quattro decenni trascorsi presso l'azienda toscana. Con oltre trent'anni come direttore del design e braccio destro di Miuccia Prada nella gestione dei marchi omonimi Prada e Miu Miu, Fabio Zambernardi si congederà dal suo incarico a partire da ottobre.

Miuccia Prada e Fabio Zambernardi - @pradagroup


Secondo quanto riportato da FashionNetwork.com, questa separazione sembra essere stata decisa in modo amichevole e consensuale.

Il designer aveva iniziato la sua carriera in Prada negli anni '80, diventando alla fine degli anni '90 responsabile della divisione calzature e successivamente coordinatore del design moda. Nei primi anni 2000, ha assunto l'importante ruolo di direttore del design, supervisionando tutte le divisioni dei marchi Prada e Miu Miu. Questa decisione di separarsi dalla maison avviene pochi mesi dopo l'arrivo del nuovo Amministratore Delegato, Andrea Guerra, scelto da Patrizio Bertelli e Miuccia Prada per rafforzare ulteriormente lo sviluppo del Gruppo, in vista anche di un futuro passaggio generazionale.


Nel primo semestre del 2023, Prada ha riportato ricavi netti pari a 2,2 miliardi di euro, segnando una crescita del 20% a tassi di cambio costanti (+17% a tassi di cambio attuali) e un utile netto di gruppo che è salito a 305 milioni di euro (+62%) rispetto ai 188 milioni dei primi sei mesi del 2022. Nel 2022, l'azienda aveva registrato ricavi in crescita a 4,2 miliardi (+25% a tassi di cambio attuali) e un utile netto di 465 milioni (+58%).

Comments


bottom of page